Economia e finanzaPagamenti ElettroniciSocial network

Facebook Libra: Tutto quello da sapere sulla nuova Criptovaluta

Ti fidi di Facebook per i dettagli intimi della tua vita personale, ma ti fideresti di affidare a Facebook i tuoi soldi?

Qualche mese fa il co-fondatore e CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha annunciato l’intenzione di lanciare nel 2020 una nuova moneta digitale chiamata Libra.

Le reazioni sono state immediate, forti e contrastanti.

In generale anche se Facebook sostiene che Libra è la risposta per dare potere economico alle masse, altri sottolineano che si tratta di un incubo normativo che non farebbe altro che dare a Facebook ancor più potere da Grande Fratello (sopratutto se Libra divenisse una moneta “reale”).

Per la maggior parte delle persone, tuttavia, Lybra potrebbe sembrare un concetto completamente estraneo, incomprensibile. Ecco quindi le risposte ad alcune delle grandi domande su Lybra, la nuova moneta di Facebook.

Che cos’è Libra e come funzionerà?

Libra è una moneta digitale che Facebook ha pianificato di sviluppare ed è progettata per funzionare sul blockchain Libra, una rete di server o nodi.

Cos’è una blockchain e come funzionerà Libra Blockchain?

Nel mondo delle criptovalute, le blockchains sono registri elettronici pubblici contenenti la lista delle transazioni effettuate con la rispettiva cripto-moneta. Ogni nodo è responsabile della convalida e del mantenimento di tali transazioni.

L’obiettivo principale della tecnologia blockchain è sempre stato quello di rendere la stessa accessibile a tutti, senza costi di transazione e al contempo di mantenerne la trasparenza con l’uso di un registro pubblico che comunque garantisce l’anonimato degli utenti.

Non sorprende quindi che l’intenzione di Facebook di creare una propria blockchain abbia fatto strorcere il naso a molti. Infatti, per come stanno le cose ora, Libra non soddisferà gli obiettivi che sono alla base delle blockchains.

I nodi verranno inoltre gestiti da un numero definito di aziende e persone. 28 membri fondatori hanno appena firmato per gestire questi nodi.

Libra sarà collegata a monete nazionali

A differenza di altre valute crittografiche popolari, la Libra sarà legata a una serie di valute fiat, che sono sostenute dai governi che le emettono, tra cui il dollaro statunitense, l’euro, lo yen e altri. Facebook dice che sarà sostenuta anche da una riserva di attività reale, tra cui depositi bancari e titoli di stato a breve termine. Questo significa che la moneta Libra agirà come una valuta globalmente coperta, destinata a mantenere un valore stabile.

In altre parole, Libra ha l’obiettivo di evitare la volatilità e le forti oscillazioni di valore che abbiamo sperimentato con le altre criptovalute come Bitcoin.

Il rovescio della medaglia di questo sistema è che Facebook manterrebbe gli interessi maturati su queste attività di riserva reali, una mossa discutibile considerando che l’azienda non è un gestore di fondi di investimento. “Gli utenti rinunciano in pratica agli interessi che avrebbero ricevuto se avessero messo la loro valuta classica in un conto bancario. Per la maggior parte delle persone, rinunciare agli interessi e usare una moneta criptata che essenzialmente permette loro di fare la stessa cosa che possono fare nell’attuale sistema bancario, non è molto allettante.

Tuttavia, nei paesi in via di sviluppo, specialmente quelli con valute instabili, l’attrattiva di una valuta globalmente coperta come la Libra potrebbe essere significativa.

Libra dovrebbe operare in modo simile a Venmo, tranne che in realtà non si baserà sul sistema bancario. Gli utenti saranno in grado di cambiare la valuta Libra attraverso varie applicazioni, il che significa che Facebook non sarà l’unica azienda autorizzata a costruire applicazioni sulla rete Libra. “Qualsiasi altra azienda può costruire applicazioni che possono essere utilizzate sulla rete Libra per effettuare transazioni in Libra”, ha detto Boiron.

Allora perché Facebook sta cercando di lanciare una valuta criptata ora? Oltre a rendere la moneta criptata più tradizionale, i sostenitori dicono di vedere la Bilancia come una soluzione a un grande problema finanziario.

“L’obiettivo dichiarato è quello di portare denaro e finanziamenti a persone in tutto il mondo che non hanno accesso alle banche tradizionali”, ha detto Ian Cogswell, un consulente per la rete di criptovaluta ATM Pelicoin. Secondo il libro bianco della Bilancia, il 31% della popolazione adulta globale – o 1,7 miliardi di persone – non è bancaria, il che significa che non hanno accesso a un conto bancario tradizionale o al denaro mobile.

E’ anche costoso inviare denaro a livello internazionale. In media, la tassa per inviare 200 dollari oltre confine è del 7,1%. La Bilancia ha lo scopo di colmare il divario nell’accesso a servizi finanziari a prezzi accessibili in tutto il mondo.

Cos’è Calibra?

Sebbene la Bilancia sia destinata ad essere scambiata attraverso diverse piattaforme, Facebook ha anche creato una nuova filiale chiamata Calibra, che sta lavorando per creare un portafoglio digitale che può essere utilizzato per comprare, vendere e spendere monete Libra.

Il portafoglio Calibra esiste come applicazione stand-alone, ma include anche l’integrazione con Facebook Messenger e WhatsApp, consentendo agli utenti di inviare e accettare valuta Libra direttamente all’interno della piattaforma di messaggistica, proprio come farebbero con gli SMS, le foto e le GIF. Al momento, non c’è in programma di includere i messaggi Instagram.

Nemmeno per un account Facebook sarà necessario avere un portafoglio Calibra; l’azienda prevede di offrire il portafoglio gratuitamente. Facebook ha anche detto che non avrà accesso ai dati finanziari degli utenti, che saranno gestiti esclusivamente da Calibra. In questo modo, le transazioni pubbliche non saranno legate all’identità degli utenti e quindi le informazioni non potranno essere utilizzate per il targeting pubblicitario.

Chi è la partnership con Facebook per lanciare la Bilancia?

Facebook dice che non gestirà direttamente la Bilancia. Invece, Zuckerberg prevede di collaborare con le maggiori organizzazioni per creare un organo di governo indipendente che condividerà questo dovere, compresi i 28 membri fondatori sopra menzionati.

“La rete sarà inizialmente gestita dall’Associazione Libra, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede in Svizzera, che attualmente conta 28 membri, ma avrà fino a 100 membri al momento del lancio della rete”, ha detto Boiron.

L’obiettivo dell’associazione Libra è quello di impedire che una singola società non abbia il controllo della valuta. Anche Facebook dice che avrà un solo voto uguale tra i membri. Gli attuali membri – che hanno investito almeno 10 milioni di dollari per aderire all’iniziativa – includono importanti società finanziarie e tecnologiche come Mastercard, Visa, PayPal, eBay, Lyft e Uber.

I membri incoraggeranno i consumatori e i commercianti ad utilizzare le monete della Bilancia attraverso offerte come sconti e bonus. Tuttavia, non ci sono ancora stati resi noti dettagli su questi incentivi.

Perchè Libra è diversa dalle altre criptovalute come Bitcoin?

Anche se Libra è stato progettato per fare affidamento sulla tecnologia blockchain, è impostato per funzionare in modo un po ‘diverso rispetto ad altre valute crittografiche.

“Molti concordano sul fatto che è improbabile che la moneta stessa sia una moneta criptocurrency in qualcosa di diverso dal nome”, ha detto Matt Baer, fondatore e CEO di KeyoCoin, una compagnia di viaggio universale che premia la moneta criptata. “Una catena di blocchi pubblici deve essere aperta, pubblica, neutrale, neutrale, senza frontiere e resistente alla censura. Senza nessuna di queste caratteristiche fondamentali, è destinata ad agire più come una banca, o quasi-banca come PayPal, di qualsiasi altra valuta criptata completamente indipendente”.

Il fatto che la Libra sarà gestita da un gruppo di membri significa che non è veramente aperta e neutrale. E poiché è sostenuta da beni reali, la Bilancia non è tanto un investimento che potrebbe aumentare di valore, quanto piuttosto un altro mezzo per pagare le merci. In realtà, la Bilancia sarà davvero più vicina alla valuta fiat che alla moneta criptata, e questo è esattamente quello che Facebook dice che otterrete se volete incassare le vostre monete.

Ma questo non è necessariamente un male per gli appassionati di crittografia. “Se la mossa di Zuckerberg attira per la prima volta milioni di persone nella criptoverse e risolve alcuni nervi intorno alle valute digitali nel processo, potrebbe essere un passo verso l’adozione di massa che l’industria sta disperatamente cercando”, ha aggiunto Baer.

Che dire delle preoccupazioni sulla privacy?

“Dal punto di vista della privacy, è difficile non essere scettici”, ha detto Perry. Secondo il libro bianco della Bilancia, ad esempio, Facebook non importerà i contatti o alcuna delle informazioni del tuo profilo – ma te lo richiederà.

“Afferma inoltre che non condividerà i dati delle transazioni con Facebook, quindi non sarà utilizzato per indirizzarti con annunci, classificare il tuo feed di notizie o altrimenti guadagnare soldi Facebook direttamente”, ha detto. Tuttavia, ha osservato Perry, i dati saranno condivisi in forma anonima per ricerche, per dare la caccia a criminali o richieste delle forze dell’ordine.

Data la storia difficile di Facebook con i dati degli utenti e la privacy, non tutti sono convinti che si atterrà alle sue parole.

Anche se la crittovaluta e la tecnologia blockchain sono state create per promuovere la sicurezza e l’anonimato, il fatto che Facebook sia interessato alla blockchain – una tecnologia che distribuisce informazioni attraverso una vasta rete di computer per creare un registro dettagliato – è allarmante per molte persone, ha detto Cogswell.

“La mano di Facebook ha già raggiunto in profondità nella nostra vita personale, e per molte persone, l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è che Facebook raggiunga anche la nostra vita finanziaria”, ha detto Cogswell.

Considerando che le entrate di Facebook dipendono in larga misura dalla connessione degli inserzionisti con i consumatori giusti, dobbiamo chiederci cosa ci sia in definitiva per l’azienda offrendo questo nuovo servizio.

“Per coloro che sostengono gli ideali massimalisti della blockchain, Facebook sembra essere in sella all’hype train senza pagare un biglietto”, ha detto Baer. “Ci sono ancora molte incognite intorno a questo progetto e ai suoi collegamenti con il più grande social network del mondo”.

Tags
Back to top button
Close
Close